Hyundai i30, a Ginevra arriva la Wagon

 

La nuova station wagon di segmento C coreana (ma sviluppata e prodotta in Europa) ha un design filante e armonico. Si distingue in modo netto dal precedente modello, più aggressivo e con tagli delle linee più pronunciati nella zona posteriore, che invece ora è più morbida e sinuosa. Quel che conta è però lʼaccresciuta funzionalità della Hyundai i30 Wagon, una delle poche familiari di segmento C con un vano bagagli che supera i 600 litri (602 per la precisione). E se si abbassano i sedili posteriori, la capacità sale a 1.650 litri! Una vera prima donna nella categoria, dove spicca anche per le dimensioni: 4.585 mm di lunghezza, 24 cm in più della i30 5 porte fresca di lancio sul mercato italiano.

 

Esteticamente la wagon Hyundai svela nuovi ed evoluti gruppi ottici anteriori, con proiettori full-LED e luci diurne verticali a LED. Le dotazioni di sicurezza sono al vertice della categoria, come già sulla berlina 5 porte, tanto che lʼequipaggiamento di serie comprende la frenata automatica d’emergenza, l’assistenza al mantenimento della corsia, lʼallarme del livello di attenzione del guidatore, l’avviso di possibili collisioni frontali e la gestione automatica degli abbaglianti. Salendo con gli allestimenti, si troveranno inoltre l’Advanced Smart Cruise Control, con il rilevatore dell’angolo cieco abbinato allʼassistente di corsia.

 

Intelligente e connessa, la nuova wagon ha due display touch: il primo da 5 pollici dedicato ai sistemi dʼinfotainment con retrocamera integrata e connessione Bluetooth, il secondo da 8 pollici per il navigatore e i servizi Apple CarPlay e Android Auto. Nel tunnel centrale vi è anche una ricarica wireless per smartphone. Al lancio la nuova Hyundai i30 Wagon sarà proposta in tre motorizzazioni benzina e due diesel: fra i primi spiccano lʼinedito 1.4 turbo da 140 CV e il 3 cilindri 1.0 turbo da 120 CV, a gasolio il 1.6 turbo è declinato nei due livelli di potenza da 110 e 136 CV.