La nuova Renault Captur, più tecnologica e sinuosa

 

A poco più di tre anni dal lancio, si presenta in concessionaria in una veste rinnovata e migliorata rispetto al passato: parliamo della Renault Captur, che si appresta ad arrivare in concessionaria con un nuovo pacchetto led (davanti e dietro) ed un lifting di alcuni dettagli pensati per renderla visivamente più giovane ed interessante.

Lunga 412 cm, larga 178 ed alta 157 (passo 261) Captur restyling propone anche nuovi colori di carrozzeria, con il blu petrolio e l'arancione Atacama a recitare la voce del padrone, e nuove tinte per gli interni che sono anche stati rivisti nei materiali: tra le novità anche i cerchi da 17" che vantano finiture inedite. Identico anche il volume del bagagliaio: 377 i litri disponibili che possono diventare 455 facendo scorrere i divanetti posteriori o 1.235 abbattendo gli schienali.

Tra le novità anche le plastiche, più morbide, ed una leggera rivisitazione della proposta che ora si basa su quattro allestimenti dotati, sin dalla base, di firma luminosa anteriore a led, cruise control, cruscotto con nuovi materiali soft touch e radio R&Go. Un allestimento più ricco che si completa con il Zen (con il clima manuale ed il touchscreen da 7") e si perfeziona con l'Intens che integra anche i sensori di parcheggio posteriori e lo Smart Nav Evolution con radio Dab. Allestimento molto completo per la Initiale Paris che vanta rivestimenti in pelle, sistema multimediale con android auto e telecamera di parcheggio. Non manca una Edition One (23.900 euro) per la fase di lancio (10-11 giugno l'inizio della commercializzazione) che vanta anche il tetto in vetro panoramico l'Easy Park Assist con sensori a 360° ed il Bose Sound System. I prezzi partono da 16.100 euro per la versione base.

La gamma motori si compone di due benzina e di due a gasolio: il primo è iltre cilindri TCe da 90 CV con consumi di 5,1 l/100 km, mentre il più potente 120 CV (anche con cambio automatico EDC a doppia frizione e 6 marce) è un quattro cilindri con un consumo medio dichiarato di 5,5 l/100 km. I diesel come al solito basano lo sviluppo della loro gamma sul 1.5 dCi, quadricilindrico ultracollaudato con due livelli di potenza: 90 CV, disponibile anche con cambio EDC ed la più potente declinazione da 110 CV, solo manuale. Per entrambi i dCi i consumi si attestano a 3,7 l/100 km.

 

La linea è sostanzialmente la stessa che l'ha resa popolare e molto apprezzata nei primi tre anni di commecializzazione ed i nuovi interventi estetici ne appesantiscono un po' il look nella zona frontale pur rendendo l'insieme più sofisticato. Nessun cambiamento per la fiancata, se non per il disegno dei cerchi in lega, mentre nella zona posteriore si fanno notare i nuovi gruppi ottici che riprendono lo stile della C luminosa (nel DNA di tutte le nuove Renault) triplicandola all'interno dei gruppi ottici posteriori per donare un effetto tridimensionale molto interessante.

 

Non cambia nulla per quanto riguarda lo stile dell'arredamento e l'ergonomia dei comandi (dove rimane scomodo il pulsante di attivazione del cruise control e piccola la strumentazione) ma i materiali, rispetto al passato, sono nettamente migliorati: gomma softouch è stata scelta per il rivestimento della plancia ma anche dei pannelli porta, che ora sono decisamente più piacevoli al tatto che in passato.

 

Il comfort di bordo è di buon livello e la sensazione offerta dalla seduta rialzata è piacevole: si controlla molto bene cosa succede attorno fatta eccezione per la 3/4 posteriore, dove non si vede nulla. Bisogna affidarsi ai sensori di parcheggio e (se disponibili) alle telecamere.