Nuova Mercedes-Benz Classe E Cabriolet: eleganza in movimento

 

Design classico, finiture ricercate e soluzioni avanzate di ausilio alla guida, la Mercedes Classe E Cabrio si rinnova per tornare protagonista delle estati Vip. La terza interpretazione dell'imponente berlina della Stella con il tetto in tessuto nasce a Brema, sulla quinta generazione del modello: lunga 4,826 metri, offre quattro posti veri e ha nel comfort e nella sicurezza di guida due veri atout, insieme naturalmente al piacere di viaggiare en plein air. Cresciuta rispetto al passato di 12,3 cm in lunghezza e di 7,4 cm in larghezza, l'ultima arrivata si inserisce nella gamma attuale delle scoperte della Casa tedesca tra la più compatta C Cabrio (4,69 metri) e la status symbol S Cabriolet (5,03 metri). Completamente riprogettata rispetto al passato, condivide il pianale, i motori e le principali soluzioni di bordo con la Coupé. Lussuosa e sfiziosa, ne riprende anche i contenuti tecnologici, a partire, appunto, dai dispositivi di assistenza alla guida che, in determinate situazioni, permettono di procedere per svariati secondi senza tenere le mani sul volante e i piedi sui pedali. Un assaggio di ''autonomous drive'' che va a vantaggio del relax di viaggio, come abbiamo verificato in una prova effettuata su autostrade e statali di montagna, da Ginevra a Courmayeur e ritorno. Sistemi che attenuano la pericolosità di possibili gesti imprudenti compiuti dal guidatore, più frequenti quando si rimane al volante per parecchie ore. Se, per esempio, ci si distrae per cambiare la stazione radio o per raccogliere un oggetto caduto sul tappetino e in quel mentre l'auto punta a invadere la corsia di fianco, l'elettronica la riporta automaticamente nella traiettoria corretta. Per effettuare i sorpassi, poi, basta mettere la freccia e a tutto il resto pensa il cervellone di bordo. Se, infine, si tolgono le mani dalla corona dello sterzo per troppi secondi, magari per un malore, dopo una serie di segnali acustici e luminosi il veicolo rallenterà sino a fermarsi, accendendo le doppie frecce per segnalare agli altri automobilisti l'emergenza in corso.


Insomma, si viaggia con più tranquillità e, per chi sceglie le poltrone climatizzate con massaggio interno, le ore alla guida passano quasi senza accorgersene. Anche i passeggeri posteriori, poi, finalmente viaggiano comodi: grazie al passo aumentato di 11,3 centimetri, hanno ora a disposizione per le gambe un massimo di 33 cm. Lungo il percorso che collega la famosa località di villeggiatura montana italiana alla cittadina sul lago Lemano, al volante di una E220 abbiamo apprezzato i consumi contenuti della versione con il motore a gasolio più piccolo della gamma, il 1.950 cc da 190 Cv (in alternativa c'è la E350d con il 2.987 cc da 258 Cv). Un propulsore adeguato alla stazza della vettura, che spinge bene anche in salita e che a fine percorso ha fatto segnare sul computer di bordo un consumo medio di 6,8 l/100 km, a fronte di un dichiarato nel ciclo misto di 4,3 l/100 km. Gli oltre 400 km del percorso di andata e ritorno per la maggior parte del tempo li abbiamo passati a tetto ripiegato. Il Traforo del Monte Bianco e i vari tunnel sono stati affrontati naturalmente a capote chiusa, ma questo non ha comportato particolari perdite di tempo: per distendere e ripiegare il tetto, infatti, bastano 20 secondi e non c'è bisogno di fermarsi, è sufficiente rallentare sotto i 60 km/h. Da sottolineare che la copertura offre un'eccellente insonorizzazione a 130 km/h, andatura a cui si viaggia senza avvertire eccessive correnti anche a cielo aperto, grazie all'azione combinata dell'efficace frangivento posteriore e dello spoilerino anteriore estraibile (Aircap), situato sulla parte superiore del parabrezza.

Già ordinabile, la nuova Mercedes Classe E Cabrio sarà in consegna in Italia da ottobre.