Debutta Volvo V60, la familiare che sfida le tedesche

 

Per Volvo la station wagon è stato un cavallo di battaglia non da poco. La gamma, da sempre contrassegnato dalla lettera V, è pronta ancora a proporsi al pubblico, ampliando il concetto di comfort e spazio: per chi ha una famiglia numerosa, ma anche per chi deve macinare chilometri per lavoro e non vuole rinunciare ad un’auto versatile.

 

Non è la più grande dell’offerta. Ma con 4,76 metri di lunghezza riesce a garantire uno spazio enorme all’interno. La nuova V60 è 12 cm più lunga della passata generazione e perciò si avvicina molto alle dimensioni della V70, che era lunga 481 cm.

 

Per quanto riguarda lo stile si confermano la strada della sobrietà, tranne per chi è cerca di un look più accattivante. La Casa madre mette a disposizione l'R-Design Nav e l'R-Design Lux, pacchetti in cui compaiono cerchi da 18, doppi scarichi per sensazione più sportiva tanto al volante (sospensioni leggermente irrigidite) quanto al primo sguardo, con finiture e il design più grintoso.  

 

La prerogativa di Volvo è un viaggio in completa sicurezza: dunque anche qui numerosi dispositivi per una sicurezza attiva e passiva Intellisafe, per rilevare la presenza di pedoni, ciclisti e grandi animali frenando da solo se il guidatore non interviene. Debutta inoltre il “Runoff Road Mitigation” che riduce l’impatto in caso di uscita dalla carreggiata. Una certezza da parte del marchio è il Pilot Assist. Non si parla di guida autonoma per carità… ma di un cruise control in grado di mantenere la velocità impostata e di curvare da solo in autostrada, mantenendo la propria corsia di marcia. Il tutto fino a 130km/h! A guidare, dunque, è sempre il pilota – mantenere almeno una mano sul volante è ancora legge! – ma a fine giornata quando la strada è totalmente vuota si può un po’ mollare la tensione.

 

Dalla Casa promettono maneggevolezza e agilità, come per una berlina. Il merito? Le sospensioni anteriori a doppio braccio. I motori a listino della V60 sono due diesel e un benzina: tutti quattro cilindri 2 litri turbo. Le versioni a gasolio - identificate dalla lettera D - sono il D3 da 150 cv e il D4 da 190 cv; Il propulsore a benzina, invece, è il potente T6 da 290 cv.